DVD

Il DVD (abbreviazione di ” digital video disc ” [5] o ” digital versatile disc ” [6] [7] ) è un formato di archiviazione di dischi ottici digitali inventato e sviluppato da Panasonic , Philips , Sony e Toshiba nel 1995. Il mezzo è in grado di memorizzare qualsiasi tipo di dati digitali ed è ampiamente utilizzato per software e altri file di computer, nonché per programmi video guardati con lettori DVD . I DVD offrono una maggiore capacità di archiviazione rispetto ai compact disc pur avendo le stesse dimensioni.

I DVD preregistrati sono prodotti in serie con macchine per lo stampaggio che stampano fisicamente i dati sul DVD. Tali dischi sono una forma di DVD- ROM perché i dati possono solo essere letti e non scritti o cancellati. I dischi DVD registrabili vuoti ( DVD-R e DVD + R ) possono essere registrati una volta utilizzando un registratore DVD e quindi funzionano come DVD-ROM. I DVD riscrivibili ( DVD-RW , DVD + RW e DVD-RAM ) possono essere registrati e cancellati molte volte.

I DVD sono utilizzati nel formato video digitale consumer DVD-Video e nel formato audio digitale consumer DVD-Audio nonché per l’authoring di dischi DVD scritti in uno speciale formato AVCHD per contenere materiale ad alta definizione (spesso in combinazione con videocamere formato AVCHD ). I DVD contenenti altri tipi di informazioni possono essere indicati come dischi di dati DVD.

Etimologia

L’ Oxford English Dictionary commenta che “Nel 1995 i produttori rivali del prodotto inizialmente denominato disco video digitale concordavano sul fatto che, per enfatizzare la flessibilità del formato per le applicazioni multimediali, l’abbreviazione preferita del DVD sarebbe da intendersi come disco versatile digitale.” L’OED afferma inoltre che nel 1995 “Le società hanno affermato che il nome ufficiale del formato sarà semplicemente il DVD.” Toshiba utilizzava il nome “disco video digitale”, ma è passato a “disco versatile digitale” dopo che le società informatiche si sono lamentate ha lasciato fuori le loro applicazioni. ” [8]

“Digital versatile disc” è la spiegazione fornita in un DVD Forum Primer del 2000 [9] e nella dichiarazione di missione del DVD Forum. [10]

Storia

Sviluppo

Confronto di diverse forme di archiviazione su disco che mostrano tracce (tracce non in scala); il verde indica inizio e il rosso indica fine.
* Alcuni masterizzatori CD-R (W) e DVD-R (W) / DVD + R (W) funzionano in modalità ZCLV , CAA o CAV , ma la maggior parte funziona in modalità Constant linear velocity (CLV).

C’erano diversi formati sviluppati per la registrazione di video su dischi ottici prima del DVD. La tecnologia di registrazione ottica è stata inventata da David Paul Gregg e James Russellnel 1958 e brevettata per la prima volta nel 1961. Un format di dati su disco ottico consumer noto come LaserDisc è stato sviluppato negli Stati Uniti e nel 1978 è stato introdotto sul mercato ad Atlanta, Georgia . dischi molto più grandi rispetto ai formati successivi. A causa dell’elevato costo di lettori e dischi, l’adozione da parte dei consumatori di LaserDisc è stata molto bassa sia in Nord America che in Europa, e non è stata ampiamente utilizzata ovunque al di fuori del Giappone e nelle aree più ricche del Sud-Est asiatico , come Hong-Kong , Singapore, Malesia e Taiwan .

Il CD Video pubblicato nel 1987 utilizzava la codifica video analogico su dischi ottici che corrispondevano alle dimensioni standard stabilite di 120 mm (4.7 in) di CD audio. Il Video CD(VCD) divenne uno dei primi formati per la distribuzione di film codificati digitalmente in questo formato, nel 1993. [11] Nello stesso anno, furono sviluppati due nuovi formati di archiviazione per dischi ottici. Uno era il Multimedia Compact Disc (MMCD), supportato da Philips e Sony , e l’altro era il disco Super Density (SD), supportato da Toshiba , Time Warner , Matsushita Electric , Hitachi , Mitsubishi Electric ,Pioneer , Thomson e JVC . Al momento del lancio della stampa per entrambi i formati nel gennaio 1995, la nomenclatura MMCD era stata abbandonata e Philips e Sony si riferivano al loro formato come Digital Video Disc (DVD). [12] [13]

I rappresentanti del campo SD chiesero all’IBM un consiglio sul file system da utilizzare per il loro disco e cercarono il supporto per il loro formato per la memorizzazione dei dati del computer. Alan E. Bell , un ricercatore del Almaden Research Center di IBM , ha ricevuto questa richiesta e ha anche appreso del progetto di sviluppo MMCD. Diffidando di aver ripetuto la costosa guerra tra VHS e Betamax nel formato videocassetta negli anni ’80, ha convocato un gruppo di esperti del settore informatico, tra cui rappresentanti di Apple , Microsoft , Sun Microsystems , Dell, e molti altri. Questo gruppo era denominato Technical Working Group o TWG.

Il 14 agosto 1995, un gruppo ad hoc formato da cinque società di computer (IBM, Apple, Compaq , Hewlett-Packard e Microsoft) pubblicò un comunicato stampa in cui dichiarava che avrebbe accettato solo un singolo formato. [14] Il TWG ha votato per boicottare entrambi i formati, a meno che i due campi non concordassero su un unico standard convergente. Hanno reclutato Lou Gerstner , presidente dell’IBM, per fare pressione sui dirigenti delle fazioni in guerra. In un compromesso significativo, i gruppi MMCD e SD hanno concordato di adottare la proposta SD 9, che specificava che entrambi i livelli del disco a doppio strato venivano letti dallo stesso lato, invece della proposta SD 10, che avrebbe creato un disco a due lati che gli utenti dovrebbero girare. [15]Di conseguenza, le specifiche del DVD offrivano una capacità di memorizzazione di 4,7 GB per un disco a singolo strato e su un solo lato e 8,5 GB per un disco a doppio strato su un solo lato. [15] Le specifiche del DVD sono finite in modo simile al disco Super Density Disc di Toshiba e Matsushita, ad eccezione dell’opzione dual-layer (MMCD era single-sided e facoltativamente dual-layer, mentre SD era due dischi half-thick, single-layer che erano premuto separatamente e quindi incollato per formare un disco a doppia faccia [13] ) e la modulazione EFMPlus progettata da Kees Schouhamer Immink .

Philips e Sony hanno deciso che era nel loro migliore interesse porre fine alla guerra del formato e hanno accettato di unificare le aziende che sostenevano il Super Density Disc per rilasciare un unico formato, con tecnologie di entrambi. Dopo altri compromessi tra MMCD e SD, le aziende informatiche di TWG hanno vinto la giornata e un unico formato è stato concordato. Il TWG ha inoltre collaborato con l’ Optical Storage Technology Association (OSTA) sull’uso della loro implementazione del file system ISO-13346 (noto come Universal Disk Format ) per l’uso sui nuovi DVD.

Adozione

I distributori di film e home entertainment hanno adottato il formato DVD per sostituire il nastro VHS onnipresente come formato di distribuzione video digitale consumer di primaria importanza. [16] Hanno abbracciato il DVD perché produce immagini e audio in movimento superiori, offre una durata superiore dei dati e può essere interattivo. citazione necessaria ] Interattività su LaserDiscsi era dimostrato desiderabile per i consumatori, in particolare per i collezionisti. Quando i prezzi di LaserDisc sono scesi da circa $ 100 per disco a $ 20 per disco al dettaglio, questa funzione di lusso è diventata disponibile per il consumo di massa. Allo stesso tempo, gli studi cinematografici hanno deciso di cambiare il modello di rilascio dell’home entertainment da un modello di noleggio a un modello di acquisto, citazione necessaria ] e un gran numero di DVD sono stati venduti.

Allo stesso tempo, è stata creata una richiesta di talenti e servizi di progettazione interattiva. I film in passato avevano sequenze di titoli dal design unico. All’improvviso, tutti i film in uscita richiedevano un’architettura dell’informazione e componenti di design interattivo che corrispondessero al tono del film e fossero al livello qualitativo richiesto da Hollywood per il suo prodotto.

Il DVD come formato aveva due qualità al momento che non erano disponibili in nessun altro supporto interattivo: abbastanza capacità e velocità per fornire video e audio di alta qualità e full motion e un meccanismo di consegna a basso costo fornito dai rivenditori di prodotti di consumo. I rivenditori si sposterebbero rapidamente per vendere i loro giocatori per meno di $ 200, e alla fine per meno di $ 50 al dettaglio. Inoltre, il mezzo in sé era abbastanza piccolo e abbastanza leggero da essere spedito usando l’affrancatura generale di prima classe. Quasi da un giorno all’altro, questo ha creato una nuova opportunità di business e un modello per gli innovatori del business per reinventare il modello di distribuzione dell’home entertainment. Ha inoltre offerto alle aziende un modo economico per fornire informazioni commerciali e sui prodotti in video in full-motion tramite la posta diretta.

Subito dopo l’adozione formale di uno standard unificato per il DVD, due delle quattro principali società di console per videogiochi ( Sega e The 3DO Company ) hanno dichiarato di avere già in programma di progettare una console di gioco con DVD come supporto sorgente. [17] (Sony, nonostante fosse uno degli sviluppatori del formato DVD e alla fine la prima azienda a rilasciare effettivamente una console basata su DVD, ha dichiarato al momento che non avevano intenzione di utilizzare il DVD nei propri sistemi di gioco. [17] ) Console di gioco come PlayStation 2 , Xbox e Xbox 360utilizzare i DVD come supporto di origine per giochi e altri software. I giochi contemporanei per Windows sono stati anche distribuiti su DVD.

Specifiche

Le specifiche del DVD create e aggiornate dal DVD Forum sono pubblicate come i cosiddetti DVD Books (ad es. DVD-ROM Book, DVD-Audio Book, DVD-Video Book, DVD-R Book, DVD-RW Book, DVD-RAM Book, Libro DVD-AR, Libro DVD-VR , ecc.). [1] [2] [3]

Alcune specifiche per le caratteristiche meccaniche, fisiche e ottiche dei dischi ottici DVD possono essere scaricate come standard liberamente disponibili dal sito Web ISO . [18] Esistono anche equivalenti standard europei(ECMA) per alcuni produttori di computer , come Ecma-267 per i DVD-ROM. [19] Inoltre, la DVD + RW Alliance pubblica specifiche DVD registrabili in competizione come DVD + R, DVD + R DL, DVD + RW o DVD + RW DL . Questi formati DVD sono anche standard ISO. [20] [21] [22] [23]

Alcune delle specifiche DVD (ad esempio per DVD-Video) non sono disponibili al pubblico e possono essere ottenute solo dal DVD Format / Logo Licensing Corporation per un costo di US $ 5000. [24] [25] Ogni sottoscrittore deve firmare un accordo di non divulgazione poiché alcune informazioni contenute nel DVD Book sono riservate e riservate. [24]

DVD registrabile e riscrivibile

Inizialmente, HP ha sviluppato supporti DVD registrabili dalla necessità di archiviare i dati per il backup e il trasporto. [26] I DVD registrabili ora sono anche usati per la registrazione audio e video dei consumatori. Sono stati sviluppati tre formati: DVD-R / RW , DVD + R / RW (più) e DVD-RAM . Il DVD-R è disponibile in due formati: Generale (650 nm) e Authoring (635 nm), dove i dischi di authoring possono essere registrati con contenuti video criptati CSS ma i dischi generali no. [27]

Sebbene la maggior parte dei masterizzatori di DVD possa al giorno d’oggi scrivere i formati DVD + R / RW e DVD-R / RW (solitamente indicati con “DVD ± RW” o l’esistenza sia del logo del DVD Forum che del logo DVD + RW Alliance), il “plus” “e i formati” trattino “usano specifiche di scrittura differenti. La maggior parte dei lettori e lettori di DVD riproduce entrambi i tipi di dischi, sebbene i modelli più vecchi possano avere problemi con le varianti “più”.

Alcuni lettori DVD di prima generazione potrebbero causare danni al DVD ± R / RW / DL quando si tenta di leggerli. citazione necessaria ]

La forma del solco a spirale che costituisce la struttura di un DVD registrabile codifica dati di identificazione inalterabili noti come Media Identification Code (MID). Il MID contiene dati come il produttore e il modello, la capacità dei byte, le velocità di trasmissione dati consentite (noto anche come velocità), ecc. Citazione necessaria ]

Registrazione dual-layer

La registrazione a doppio strato (talvolta nota anche come registrazione a doppio strato) consente ai dischi DVD-R e DVD + R di archiviare un numero significativamente maggiore di dati, fino a 8,5 gigabyte per disco, rispetto ai 4,7 gigabyte per i dischi a strato singolo. [28] Oltre a questo, i DVD-DL hanno una velocità di scrittura più bassa rispetto ai normali DVD. Quando viene riprodotto, a volte una leggera transizione può essere vista nella riproduzione quando il giocatore cambia livello. DVD-R DL è stato sviluppato per il DVD Forum da Pioneer Corporation ; DVD + R DL è stato sviluppato per il DVD + RW Alliance di Mitsubishi Kagaku Media (MKM) e Philips . [29]

Un disco a doppio strato si differenzia dalla sua controparte a singolo strato impiegando un secondo strato fisico all’interno del disco stesso. L’unità con capacità dual-layer accede al secondo strato facendo brillare il laser attraverso il primo strato semitrasparente. In alcuni lettori DVD, il cambio di livello può mostrare una pausa notevole, fino a diversi secondi. [30] Ciò spinse alcuni spettatori a temere che i loro dischi a doppio strato fossero danneggiati o difettosi, con il risultato che gli studios iniziarono a elencare un messaggio standard che spiegava l’effetto di pausa a doppio strato su tutti gli imballaggi di dischi a doppio strato.

I dischi registrabili DVD che supportano questa tecnologia sono compatibili con le versioni precedenti di alcuni lettori DVD e unità DVD-ROM esistenti. [29] Molti attuali masterizzatori DVDsupportano la tecnologia dual-layer e il prezzo è ora paragonabile a quello delle unità a singolo strato, sebbene i supporti vergini rimangano più costosi. Le velocità di registrazione raggiunte dai supporti a doppio strato sono ancora ben al di sotto di quelle dei supporti a strato singolo.

I DVD a doppio strato vengono registrati utilizzando Opposite Track Path (OTP). [31] I dischi DVD-ROM masterizzati per l’uso del computer sono prodotti con la traccia 0 che inizia al diametro interno (come nel caso di un singolo strato). La traccia 1 inizia quindi dal diametro esterno. I dischi video DVD sono masterizzati in modo leggermente diverso. Il video è diviso tra i livelli in modo tale che il livello 1 possa essere fatto per iniziare con lo stesso diametro che termina il livello 0. Questo accelera la transizione man mano che il livello cambia perché, sebbene il laser debba rifocalizzarsi sul layer 1, non deve saltare il disco per trovarlo.

Capacità

I tipi base di DVD (diametro di 12 cm, lato singolo o omogeneo su entrambi i lati) sono indicati con un’approssimazione approssimativa della loro capacità in gigabyte. Nelle versioni draft della specifica, il DVD-5 conteneva effettivamente cinque gigabyte, ma alcuni parametri sono stati modificati in seguito, come spiegato sopra, quindi la capacità è diminuita. Altri formati , quelli con diametro di 8 cm e varianti ibride, hanno acquisito nomi numerici simili con deviazione ancora maggiore.

Il tipo da 12 cm è un DVD standard e la varietà da 8 cm è nota come MiniDVD . Queste sono le stesse dimensioni di un CD standard e un mini-CD , rispettivamente. La capacità per superficie (MiB / cm 2 ) varia da 6.92 MiB / cm 2nel DVD-1 a 18.0 MiB / cm 2 nel DVD-18.

Come nel caso dei dischi rigidi, nel regno dei DVD, i gigabyte e il simbolo GB vengono solitamente utilizzati nel senso SI (ad es. 10 9 o 1.000.000.000 di byte).

Ogni settore DVD contiene 2.418 byte di dati, di cui 2.048 byte sono dati utente. C’è una piccola differenza nello spazio di archiviazione tra i formati + e  (trattino):

Scansione di un DVD-R; “a” è la sezione utilizzata mentre “b” è la sezione non utilizzata)
Capacità e nomenclatura [32] [33]
SS = single-sided, DS = double-sided, SL = single-layer, DL = dual-layer
Designazione lati Strati
(totale)
Diametro
(cm)
Capacità
( GiB )
DVD-1 [34] SS SL 1 1 8 1.36
DVD-2 SS DL 1 2 8 2.47
DVD-3 DS SL 2 2 8 2.72
DVD-4 DS DL 2 4 8 4.95
DVD-5 SS SL 1 1 12 4.37
DVD-9 SS DL 1 2 12 7,95
DVD-10 DS SL 2 2 12 8.75
DVD-14 [35] DS SL + DL 2 3 12 12.33
DVD-18 DS DL 2 4 12 15.90

Nota: tutte le dimensioni sono espresse in senso binario (ad es. 1 Gigabyte = 1.073.741.824 byte).

DVD-RW Drive funzionante con il coperchio di protezione rimosso.
Capacità e nomenclatura dei dischi (ri) scrivibili
Designazione lati Strati
(totale)
Diametro
(cm)
Capacità
(GIB)
DVD-R SS SL (1.0) 1 1 12 3.68
DVD-R SS SL (2.0) 1 1 12 4.37
DVD-RW SS SL 1 1 12 4.37
DVD + R SS SL 1 1 12 4.37
DVD + RW SS SL 1 1 12 4.37
DVD-R SS DL 1 2 12 7.96
DVD-RW SS DL 1 2 12 7.96
DVD + R SS DL 1 2 12 7.96
DVD + RW SS DL 1 2 12 7.96
DVD-RAM SS SL 1 1 8 1,36 *
DVD-RAM DS SL 2 1 8 2,47 *
DVD-RAM SS SL (1.0) 1 1 12 2.40
DVD-RAM SS SL (2.0) 1 1 12 4.37
DVD-RAM DS SL (1.0) 2 1 12 4.80
DVD-RAM DS SL (2.0) 2 1 12 8.75 *

Nota: tutte le dimensioni sono espresse in senso binario (ad es. 1 Gigabyte = 1.073.741.824 byte).

Differenze di capacità dei formati DVD scrivibili
genere settori byte KiB MiB GiB
DVD-R SL 2.298.496 4.707.319,808 mila 4.596.992 4,489.250 4.384
DVD + R SL 2.295.104 4.700.372,992 mila 4.590.208 4,482.625 4,378
DVD-R DL 4.171.712 8.543.666,176 mila 8.343.424 8,147.875 7,957
DVD + R DL 4.173.824 8.547.991,552 mila 8.347.648 8,152.000 7,961

Tutte le dimensioni sono espresse in senso binario (ad es. 1 Gigabyte = 1.073.741.824 byte ecc.).

Unità e lettori DVD

Vedi anche: lettore di dischi ottici e lettore DVD

Le unità DVD sono dispositivi in ​​grado di leggere dischi DVD su un computer. I lettori DVD sono un tipo particolare di dispositivi che non richiedono il funzionamento di un computer e possono leggere dischi DVD-Video e DVD-Audio .

Laser e ottica

Tutti e tre i supporti di dischi ottici comuni ( Compact disc , DVD e Blu-ray ) utilizzano la luce dei diodi laser , per la sua purezza spettrale e la capacità di essere focalizzata con precisione. Il DVD utilizza una luce di lunghezza d’onda di 650 nm (rosso), a differenza di 780 nm ( lontano-rosso , comunemente chiamato infrarosso ) per CD. Questa lunghezza d’onda più corta consente una fossa più piccola sulla superficie del supporto rispetto ai CD (0,74 μm per DVD contro 1,6 μm per CD ), tenendo conto in parte della maggiore capacità di memorizzazione del DVD.

In confronto, Blu-ray Disc , il successore del formato DVD, utilizza una lunghezza d’onda di 405 nm (viola) e un disco a doppio strato ha una capacità di memorizzazione di 50 GB.

Velocità di trasferimento

Le velocità di lettura e scrittura per le prime unità e lettori DVD erano di 1.385 kB / s (1.353 KiB / s); questa velocità è solitamente chiamata “1 ×”. I modelli più recenti, a 18 × o 20 ×, hanno 18 o 20 volte quella velocità. Si noti che per le unità CD, 1 × significa 153,6 kB / s (150 KiB / s), circa un nono come rapido. [34] [36]

Velocità del lettore DVD
Guida la velocità Velocità dati ~ Tempo di scrittura (minuti) [37]
Mbit / s MB / s Singolo strato Doppio strato
1 × 11 1.4 57 103
2 × 22 2.8 28 51
2.4 × 27 3.3 24 43
2.6 × 29 3.6 22 40
4 × 44 5.5 14 26
6 × 67 8.3 9 17
8 × 89 11.1 7 13
10 × 111 13.9 6 10
12 × 133 16,6 5 9
16 × 177 22.2 4 6
18 × 199 24.9 3 6
20 × 222 27.7 3 5
22 × 244 30.5 3 5
24 × 266 33.2 2 4

DVD-Video

Articolo principale: DVD-Video

Il DVD-Video è uno standard per la distribuzione di contenuti video / audio su supporti DVD. Il formato è stato messo in vendita in Giappone nel 1995, negli Stati Uniti, in Canada, in America Centrale e in Indonesia nel 1997, e in Europa, Asia, Australia e Africa nel 1998. Il DVD-Video è diventato la forma dominante di distribuzione di home video in Il Giappone, quando è stato messo in vendita per la prima volta nel 1995, ha condiviso il mercato della distribuzione di home video negli Stati Uniti fino al 15 giugno 2003, quando i DVD-Video settimanali negli Stati Uniti hanno iniziato a superare le vendite settimanali di cassette VHS. [38] Il DVD-Video è ancora la forma dominante di distribuzione di home video in tutto il mondo tranne che in Giappone, dove è stato superato da Blu-ray Disc quando il Blu-ray è andato in vendita in Giappone il 31 marzo 2006.

Sicurezza

Articolo principale: Content Scramble System

Il Content Scramble System (CSS) è un sistema di gestione dei diritti digitali (DRM) e di crittografia utilizzato su quasi tutti i dischi DVD-video in commercio. CSS utilizza un algoritmo proprietario di codifica stream a 40 bit . Il sistema è stato introdotto intorno al 1996 ed è stato inizialmente compromesso nel 1999.

Lo scopo del CSS è duplice:

  1. I CSS impediscono la riproduzione di copie byte per byte di un flusso MPEG (video digitale) poiché tali copie non includono i tasti nascosti nell’area di lead-in del DVD limitato.
  2. Il CSS fornisce una ragione ai produttori per rendere i propri dispositivi conformi a uno standard controllato dal settore, poiché i dischi codificati CSS non possono in linea di principio essere riprodotti su dispositivi non conformi; chiunque desideri realizzare dispositivi conformi deve ottenere una licenza, che contenga il requisito che il resto del sistema DRM ( codici regionali , Macrovision e divieto di operazioni da parte dell’utente ) sia implementato. [39]

Mentre la maggior parte del software di decrittografia CSS viene utilizzato per riprodurre video DVD, altri software (come DVD Decrypter , AnyDVD , DVD43 , Smartripper e DVD Shrink ) possono copiare un DVD su un disco rigido e rimuovere Macrovision , crittografia CSS, codici regionali e divieto di operazione dell’utente .

Restrizioni al consumo

L’aumento della condivisione dei file ha spinto molti titolari di copyright a visualizzare avvisi sulla confezione di DVD o visualizzati sullo schermo quando viene riprodotto il contenuto che avvisa i consumatori dell’illegalità di determinati usi del DVD. È normale includere un avviso di 90 secondi che la maggior parte delle forme di copia dei contenuti sono illegali. Molti DVD impediscono di saltare oltre o di avanzare rapidamente attraverso questo avviso.

Le disposizioni per il noleggio e il prestito variano in base alla geografia. Negli Stati Uniti, il diritto di rivendere, noleggiare o prestare i DVD acquistati è protetto dalla dottrina della prima vendita ai sensi del Copyright Act del 1976 . In Europa, i diritti di noleggio e di prestito sono più limitati, in base a una direttiva europea del 1992 che conferisce ai detentori dei diritti d’autore maggiori poteri di limitare l’affitto commerciale e il prestito pubblico di copie di DVD delle loro opere.

DVD-Audio

Articolo principale: DVD-Audio

DVD-Audio è un formato per la distribuzione di contenuti audio ad alta fedeltà su un DVD. Offre molte opzioni di configurazione dei canali (dal suono surround mono a 5.1 ) a varie frequenze di campionamento (fino a 24 bit / 192 kHz rispetto ai 16 bit / 44,1 kHz del CDDA ). Rispetto al formato CD, il formato DVD di capacità molto più elevata consente l’inclusione di molta più musica (rispetto al tempo di esecuzione totale e quantità di brani) o una qualità audio molto più elevata (riflessa da frequenze di campionamento più elevate , maggiore risoluzione del campione e canali aggiuntivi per la riproduzione del suono spaziale ).

Nonostante le specifiche tecniche superiori del DVD-Audio, c’è un dibattito da parte di chi? ] se i miglioramenti audio risultanti siano distinguibili in ambienti di ascolto tipici. Il DVD-Audio costituisce attualmente un mercato di nicchia, probabilmente a causa del tipo di guerra formato con il SACD standard rivale che il DVD-Video ha evitato.

Sicurezza

Articolo principale: Protezione del contenuto per supporti registrabili

I dischi DVD-Audio utilizzano un meccanismo DRM , denominato Content Protection for Prerecorded Media (CPPM), sviluppato dal gruppo 4C (IBM, Intel, Matsushita e Toshiba).

Anche se CPPM doveva essere molto più difficile da decifrare rispetto a un DVD-Video CSS , anche nel 2007, con il rilascio dello strumento dvdcpxm, anche questo si è rotto . La successiva versione della libreria libdvdcpxm (basata su dvdcpxm) consentiva lo sviluppo di lettori DVD-Audio open source e software di ripping. Di conseguenza, fare copie 1: 1 dei dischi DVD-Audio è ora possibile con relativa facilità, proprio come i dischi DVD-Video.

Successori e declino

Questo articolo deve essere aggiornato . Si prega di aggiornare questo articolo per riflettere eventi recenti o nuove informazioni disponibili. (Giugno 2017)

Nel 2006, due nuovi formati chiamati HD DVD e Blu-ray Disc sono stati rilasciati come successore di DVD. HD DVD ha gareggiato senza successo con Blu-ray Disc nella guerra del formato del 2006-2008 . Un DVD HD dual layer può contenere fino a 30 GB e un disco Blu-ray dual layer può contenere fino a 50 GB. [40] [41]

Tuttavia, a differenza delle precedenti modifiche di formato, ad esempio, da vinile a Compact Disc o videoregistrazione VHS su DVD, non vi è alcuna indicazione immediata che la produzione del DVD standard si ridurrà gradualmente, in quanto ancora dominano, con circa il 75% delle vendite video e circa uno miliardi di vendite di lettori DVD in tutto il mondo a partire dal 3 aprile 2011. Infatti, gli esperti sostengono che il DVD rimarrà il mezzo dominante per almeno altri cinque anni poiché la tecnologia Blu-ray è ancora nella sua fase introduttiva, la velocità di scrittura e lettura è scarsa e necessaria l’hardware è costoso e non facilmente disponibile. [42] [43]

I consumatori inizialmente erano anche lenti ad adottare Blu-ray a causa del costo. [44] Nel 2009, l’85% dei negozi vendeva dischi Blu-ray. Sono inoltre necessari un televisore ad alta definizione e cavi di collegamento appropriati per sfruttare il disco Blu-ray. Alcuni analisti suggeriscono che il più grande ostacolo alla sostituzione del DVD sia dovuto alla sua base installata; la grande maggioranza dei consumatori è soddisfatta dei DVD. [45] Il DVD è riuscito perché offriva un’alternativa convincente a VHS. Inoltre, le dimensioni dei supporti uniformi consentono ai produttori di lettori Blu-ray e ora lettori DVD HD in formato defunto di essere retrocompatibili , in modo che possano riprodurre vecchi DVD. Ciò contrasta con il passaggio dal vinile al CD e dal nastro al DVD, che ha comportato un cambiamento completo nel mezzo fisico. A partire dal 2012è ancora normale che gli studios pubblichino importanti versioni in formato “combo pack”, inclusi sia un DVD che un disco Blu-ray (e, in molti casi, un terzo disco con una copia digitale autorizzata). Inoltre, alcuni set multi-disco utilizzano Blu-ray per la funzione principale, ma DVD per funzionalità aggiuntive (esempi di questo includono le collezioni di ” Harry Potter ” Ultimate Edition, la re-release del 2009 della serie TV The Prisoner del 1967 e un Collezione 2007 relativa a Blade Runner ). Un altro motivo citato (luglio 2011) per la transizione più lenta al Blu-ray da DVD è la necessità e la confusione di “aggiornamenti firmware” e la necessità di una connessione Internet per eseguire aggiornamenti.

Questa situazione è simile al passaggio dalle registrazioni della shellac a 78 rpm alle registrazioni in vinile a 45 rpm e 33⅓ rpm. Poiché i nuovi e vecchi media erano praticamente gli stessi (un disco su un giradischi, suonato da un ago), i produttori di fonografi continuarono a includere la capacità di suonare 78 secondi per decenni dopo che il formato fu interrotto.

I produttori continuano a pubblicare titoli DVD standard a partire dal 2017 , e il formato rimane il preferito per il rilascio di vecchi programmi televisivi e film. Alcuni programmi, come Star Trek: The Original Series e Star Trek: The Next Generation devono essere riesaminati per produrre una versione ad alta definizione dalle registrazioni originali del film. (Alcuni effetti speciali sono stati anche aggiornati per apparire migliori in alta definizione.) [46] Nel caso di Doctor Who , una serie prodotta principalmente su videocassetta a definizione standard tra il 1963 e il 1989, BBC Video avrebbe dovuto continuare a pubblicare versioni in formato DVD di quella serie almeno fino a novembre 2013.

I DVD sono anche di fronte alla concorrenza dei servizi di video on demand . [47] [48] [49] [50]Con un numero crescente di case con connessioni Internet ad alta velocità, molte persone ora hanno la possibilità di noleggiare o acquistare video da un servizio online e visualizzarlo trasmettendolo direttamente dai server di quel servizio, il che significa che il cliente non deve avere alcuna forma di supporti di memorizzazione permanenti per i video. PWC prevede che gli introiti dello streaming online supereranno i ricavi delle vendite di supporti fisici entro il 2018. Le entrate globali dell’home video elettronico supereranno le entrate fisiche dell’home video nel 2018. Globalmente, le entrate combinate totali da servizi over-the-top (OTT) / streaming e emittenti I servizi di video on demand (VOD) cresceranno a un CAGR del 19,9% per superare le entrate del video domestico fisico (la vendita e il noleggio di DVD e dischi Blu-ray) nel 2018. [51]Entro il 2017, i servizi di streaming digitale hanno superato le vendite di DVD e Blu-ray per la prima volta. [52]

Longevità

La longevità del DVD viene misurata per quanto tempo i dati restano leggibili dal disco, supponendo che esistano dispositivi compatibili in grado di leggerlo: ovvero, per quanto tempo il disco può essere memorizzato fino alla perdita dei dati. Numerosi fattori influenzano la longevità: composizione e qualità dei supporti (strati di registrazione e substrato), umidità e condizioni di conservazione della luce, qualità della registrazione iniziale (che a volte è una questione di compatibilità reciproca tra supporti e registratore), ecc. [53] Secondo il NIST , “[a] temperatura di 64,4 ° F (18 ° C) e 40% di umidità relativa [Umidità relativa] sarebbe considerata idonea per la conservazione a lungo termine, mentre per la conservazione a lungo termine è raccomandata una temperatura inferiore e RH”. [54]

Secondo la Optical Storage Technology Association (OSTA), “I produttori dichiarano che durano dai 30 ai 100 anni per i dischi DVD, DVD-R e DVD + R e fino a 30 anni per DVD-RW, DVD + RW e DVD-RAM. ” [55]

Secondo un progetto di ricerca NIST / LoC condotto nel 2005-2007 utilizzando test di durata accelerata , “Sono stati testati quindici prodotti DVD, tra cui cinque DVD-R, cinque DVD + R, due DVD-RW e tre DVD + RW. […] Complessivamente, sette dei prodotti testati avevano stimato le aspettative di vita in condizioni ambientali superiori a 45 anni, quattro dei quali avevano stimato un’aspettativa di vita di 30-45 anni in condizioni di conservazione ambientale. aveva un’aspettativa di vita stimata di 15-30 anni e due prodotti avevano stimato un’aspettativa di vita inferiore a 15 anni se conservati in condizioni ambientali. ” Le aspettative di vita per una sopravvivenza del 95% stimata in questo progetto per tipo di prodotto sono riportate di seguito: [53] [ dubbio – discutere ]

Tipo di disco 0-15 anni 15-30 anni 30-45 anni oltre 45 anni
DVD-R 20% 20% 0% 60%
DVD + R 20% 0% 40% 40%
DVD-RW 0% 0% 50% 50%
DVD + RW 0% 33,3% 33,3% 33,3%