hprints

hprints ( pronunciato in inglese come stampe aitch ) è un archivio di preprint elettronici di articoli accademici nel campo delle arti e delle scienze umane . Si può accedere liberamente via Internet poiché si tratta di un repository ad accesso aperto che mira a rendere pubblici i documenti accademici a disposizione del pubblico più vasto possibile.

Il progetto hprints

L’obiettivo di hprints è di rendere la ricerca nordica disponibile attraverso un archivio elettronico di testo integrale online ad accesso aperto, ma la limitazione ai paesi nordici è considerata principalmente una restrizione iniziale per ragioni di finanziamento. L’archivio conterrà principalmente documenti di ricerca elettronica sotto forma di preprints, ristampe, documenti di lavoro, capitoli di libri, relazioni di conferenze, manoscritti di conferenze su invito ecc. L’archivio è istituito, gestito e promosso dalla Biblioteca dell’Università di Copenaghen e dai membri del consorzio. I membri originali del consorzio erano:

  • Biblioteca universitaria di Copenhagen , parte della Royal Library danese )
  • La Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università di Copenaghen
  • Biblioteca universitaria di Lund
  • Museo Tusculanum Press , un editore accademico
  • Biblioteca dell’Università di Oslo

L’invio di materiale di testo elettronico all’archivio è decentrato e si svolge presso il ricercatore individuale locale o a livello di gruppo di ricerca.

Usare hprints

Quindi hprints è uno strumento per la comunicazione scientifica tra studiosi accademici, che possono caricare materiale di ricerca full-text come articoli, documenti, documenti per conferenze, capitoli di libri ecc. Il contenuto del materiale depositato dovrebbe essere paragonabile a quello di un documento scientifico che lo studioso considererebbe adatto per la pubblicazione, ad esempio, di una rivista scientifica peer reviewed.

È possibile cercare e trovare la carta per argomenti definiti attraverso una ricerca su Internet. In secondo luogo, tutti i documenti inviati vengono memorizzati in modo permanente e ricevono un indirizzo Web stabile, come ad esempio la carta in questo esempio:

Il pietismo e la politica dei catechismi
Horstbøll H.
Scandinavian Journal of History 29, 2 (2004) p. 143-160 http://www.hprints.org/hprints-00254947/en/

Storia

Maggio 2007 l’agenzia di finanziamento nordico per le biblioteche, Nordbib , ha concesso il progetto hprints 287.000 DKK come parte del suo programma di finanziamento Work Package 2: Focus area su Content and Accessibility . Il piano prevedeva il lancio di un archivio a un anno da tale data, ovvero circa giugno 2008: il progetto hprints intende fornire una politica e un’infrastruttura tecnica che consenta un accesso aperto alla ricerca nell’ambito delle arti e delle discipline umanistiche. L’ipotesi è che ciò comporterà una serie di vantaggi rispetto all’accessibilità elettronica e alla visibilità dell’area di ricerca delle arti e delle scienze umane.

Nell’ottobre 2007, l’Advisory Board del Nordbib “hprints project” ha scelto il sistema da utilizzare per l’archivio e-print delle arti nordiche e umanistiche. Tre possibili alternative esistevano: EPrints della Università di Southampton , LUR da Lund University Libraries, e HAL dal Consiglio nazionale delle ricerche francese (CNRS). Sia EPrints che LUR sono software open source gratuiti che possono essere impostati localmente o ospitati commercialmente, mentre HAL è un archivio funzionante, a cui è possibile configurare i portali.

Alla riunione del consiglio consultivo di hprints in ottobre, è stato deciso di collaborare con il consiglio di ricerca francese, Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS). Pertanto, l’archivio e-print di hprints per le arti e le scienze nordiche è stato creato come portale nordico HAL con un proprio layout e adattato alle esigenze degli hprints.

Marzo 2008 hprints aperti per l’accesso pubblico. Poiché l’archivio fa parte di HAL e i documenti saranno condivisi con l’archivio nazionale francese.