teleamministrazione

La teleamministrazione si basa sul concetto che i documenti in formato elettronico hanno valore legale. L’informatica amministrativa non è nuova, ma per molti anni è stata semplicemente la tecnologia dell’informazione applicata ai documenti legali, vale a dire la riproduzione di documenti legali cartacei in file system elettronici. Invece, Teleadministration trasforma questo approccio nella sua testa. Si basa su una ricerca condotta nel 1978, anno in cui, in una conferenza promossa dalla Corte di Cassazione , Giovanni Duni lanciò l’idea futurista che un documento elettronico potesse avere valore legale. [1] Il 1978 fu anche l’anno in cui la prima ricerca sulle firme digitali ( RSA ) [2]è stato pubblicato negli Stati Uniti, ma ci vorrebbero più di venticinque anni per giuristi e matematici per iniziare a lavorare insieme. [3]

Per molti anni, e anche prima del 1978, l’IT ha aiutato la Pubblica Amministrazione ma ha mantenuto una “distanza di sicurezza”, assumendo che la “natura sacra” della Legge richiedesse l’uso di carta e penna. L’Information Technology si limitava a gestire e archiviare copie di documenti legali: era nota come “IT parallelo”, [4] poiché era un accessorio dell’attività con valore formale, quello basato su carta e penna.

Pertanto, la premessa logica, legale e materiale della teleamministrazione è il conferimento di valore legale ai documenti informatici.

Origini e terminologia

In Italia, l’espressione linguistica [5] teleamministrazione è stata utilizzata per la prima volta nel 1991 presso l’università romana “La Sapienza”, nel corso di una conferenza organizzata dalla Corte di Cassazione, [6] in cui si diceva che: «il nuovo sistema di amministrazione la tecnologia dell’informazione è chiamata “teleadministrazione” perché tutto il lavoro della pubblica amministrazione sarà realizzato attraverso dispositivi, che potrebbero anche essere computer, collegati al server centrale attraverso una rete. »La teleamministrazione era infatti considerata un tipo di telelavoro. [7]

Con Teleadministration, le procedure amministrative diventano procedure amministrative elettroniche e, più specificamente, quelle avviate da una parte realizzano il One Stop Shop elettronico.

I fondamenti della teleamministrazione

Nei decenni dal 1970 al 1990, la Corte di Cassazione era al centro della ricerca sulla relazione tra IT e diritto, organizzando conferenze internazionali ogni cinque anni sull’argomento. La conferenza internazionale del 1993 presentava i fondamenti della teleamministrazione, fornendo i dettagli dei sistemi amministrativi alla base del concetto di One Stop Shop: [8]

  1. Un cittadino presenta la propria rivendicazione a un’amministrazione, che gestisce quindi l’intera procedura.
  2. Viene creato un singolo “file amministrativo”, indipendentemente dal numero di amministrazioni diverse.
  3. Per le fasi interne ed esterne in una procedura amministrativa, un “segnale di avvertimento” viene inviato telematicamente all’ufficio competente dove è prevista la fase successiva, il dipendente in tale ufficio diventa quindi responsabile di quella fase della procedura.
  4. Qualsiasi informazione relativa a documenti già detenuti dalla pubblica amministrazione è accessibile telematicamente, senza coinvolgere il cittadino.
  5. La firma (elettronica) identifica l’identità dell’operatore attraverso tecniche sofisticate.
  6. L’originale di un atto amministrativo è elettronico ed è quindi sempre disponibile per via telematica a qualsiasi amministrazione che possa averne bisogno.
  7. La presenza di una quantità crescente di dati on-line richiederà un maggiore uso dell’elaborazione automatica dei dati nel processo decisionale.
  8. Salvare i dati su più posizioni di memoria garantirà la custodia degli atti.
  9. I dati statistici saranno disponibili in tempo reale e sotto più profili, con grandi benefici per il processo decisionale di alto livello.
  10. I cittadini privati ​​possono ottenere copie cartacee degli atti elettronici.

Va notato che la quinta fondamentale menziona le firme elettroniche piuttosto che quelle digitali. Questo perché, nel dominio dei giuristi, le firme digitali non erano ancora conosciute. Il riferimento generico alla firma elettronica è tuttavia valido e la sua natura generale è in realtà adatta alle norme contenute sei anni dopo nella direttiva 1999/93 / CE. Come vedremo, la direttiva si riferisce in particolare a tutte le procedure avviate da privati ​​cittadini, ma il sistema rimane valido per tutte le procedure avviate anche dagli uffici amministrativi.

Riconoscimento dei principi in diritto vigente

La forma giuridicamente accettata di atti e documenti si è evoluta secondo le seguenti fasi:

  1. Gli atti esistono solo in forma cartacea
  2. Gli atti in formato elettronico sono un’opzione possibile
  3. Il formato elettronico è obbligatorio, salvo alcune eccezioni

In Italia, la Fase 2 è stata varata dall’Art 15, comma 2, della legge 15 marzo 1997, n. 59 (la cosiddetta legge “Bassanini 1”: ha stabilito il valore legale dei documenti elettronici, mentre i regolamenti stabiliscono l’autenticazione criteri). La CE è intervenuta successivamente con la direttiva 1999/93 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 1999 (recepita con decreto legge n. 23 del 23 gennaio 2002), che impone agli Stati membri l’obbligo di fornire valore legale ai documenti con firme digitali (non direttamente nominate come tali, ma tutte le loro caratteristiche sono descritte nella direttiva). Stabilisce inoltre che i documenti elettronici non devono essere rifiutati a priori, aprendosi quindi a una gamma di soluzioni diverse per stabilire la paternità di un documento (le cosiddette “firme deboli”).

La direttiva del 1993 è stata revocata e assorbita (per motivi di certezza del diritto e chiarezza) dal regolamento 910/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 luglio 2014 (noto anche come regolamento eIDAS) nella GUUE 28 agosto 2014, che non ha rinnegato il il principio di accettare anche le cosiddette “firme deboli”. In Italia, il passaggio alla Fase 3 è stato stabilito dall’art. 40 del Legislativo sl. Decreto N.82 del 7 marzo 2007, Codice di Digital Administration (CAD), dal titolo “Creazione di documenti elettronici”, che recita: “Le Pubbliche Amministrazioni fanno la copia originale dei loro documenti con mezzi elettronici, secondo le disposizioni del presente Codice e le specifiche tecniche dell’articolo 71 “. Le eccezioni sono estremamente rare: Comma 3 afferma: attraverso i regolamenti appropriati …. , proposto dai ministri delegati per le funzioni pubbliche,

Purtroppo, le amministrazioni nazionali ignorano questa disposizione, e oggi sono solo le aziende private a non consentire più le comunicazioni cartacee con le amministrazioni pubbliche (articolo 5 bis del CAD e DPCM del 22 luglio 2011); la fatturazione elettronica obbligatoria è stata aggiunta il 31 marzo 2015 dalla legge n. 44 del 24 dicembre 2007, art. N. 1, par. 209-214 recepito con decreto ministeriale n. 5 del 3 aprile 2013, ulteriormente chiarito dalla circolare n. 1 del 9 marzo 2015. La modernizzazione delle procedure è stata anche toccata dal decreto presidenziale n. 447 del 20 ottobre 1998 (creazione dello One Stop Shop, ma solo per attività produttive, e su supporto cartaceo), mentre l’interesse per una procedura telematica è iniziato solo con il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, CAD,

Anche le fonti europee sono essenziali. La CE, e in seguito l’Unione europea, hanno intrapreso una vasta gamma di azioni sull’e-government: uno dei più importanti è stato il lancio del programma IDABC (e finanziamento) per la fornitura interoperabile di servizi di eGovernment europei a pubbliche amministrazioni, imprese e Cittadini, con decisione 2004/387 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004. Tuttavia, il riconoscimento definitivo dei principi della teleamministrazione, con lo sportello unico telematico, è contenuto nella direttiva 2006/123 / CE del Parlamento europeo e Consiglio, del 12 dicembre 2006, sul mercato interno dei servizi, che prevede che gli Stati membri istituiscano uno sportello unico elettronico nel vasto campo delle procedure amministrative.

Teleadministration e la procedura ‘star’

Questo articolo non intende dimostrare il grande effetto che la teleadministrazione ha sull’efficienza dell’attività amministrativa, poiché presumiamo che il lettore sia pienamente consapevole del fatto che, una volta abbandonati i documenti cartacei, il flusso di documenti in tempo reale migliora notevolmente la gestione del tempo e responsabilità dei singoli uffici / operatori, mentre l’accesso diretto online migliora la trasparenza. Piuttosto, questo paragrafo vuole sottolineare come la teleamministrazione promuova il massimo utilizzo della “procedura stellare”, conosciuta e ricercata in Germania come “Sternverfahren”. Questa procedura, un’alternativa alla procedura sequenziale, che ha per natura tempi di testa più lunghi, nel mondo cartaceo sarebbe necessario fare diverse copie del file amministrativo (che può essere estremamente voluminoso) per ogni ufficio e ogni amministrazione che ha bisogno di esprimere un’opinione o rilasciare un’autorizzazione. Con lo sportello unico, l’amministrazione che avvia il processo è incaricata di questo compito. I file elettronici offrono chiaramente vantaggi evidenti per queste procedure, poiché tutte le amministrazioni coinvolte possono accedere direttamente e simultaneamente al file, visualizzare la parte di cui hanno bisogno per valutare e aggiungere direttamente la propria opinione o autorizzazione, utilizzando uno schema a forma di stella.

Valutare l’effettiva accettazione della teleamministrazione nella legge attuale e nella vita reale

Come proposta scientifica, la teleamministrazione abbozzò il sistema delle procedure amministrative telematiche ben prima della legge, e in particolare del concetto di One Stop Shop elettronico. Entrambi i concetti si basano sulla dematerializzazione dei documenti e sul lavoro amministrativo telematico.

Il concetto di dematerializzazione dei documenti [9] esistente dal 1978 come nozione scientifica [10] è stato inizialmente accolto in Italia (legge n. 59 del 15 marzo 1997, articolo 15, paragrafo 2) e successivamente dalla CE in Direttiva 1999/93 / CE.

Una volta accettato il principio che un documento elettronico può avere valore legale, è stato possibile gestire la sua gestione nell’ambito di una procedura telematica. Come accennato, la configurazione di questa procedura all’interno delle regole della teleamministrazione è oggi accettata nelle leggi sia europee che italiane. Le leggi europee forniscono anche una descrizione abbastanza dettagliata dello sportello unico elettronico, con regole che si adattano bene alle regole scientifiche della teleamministrazione; il loro limite principale è che sono stati progettati specificamente per la libera circolazione dei servizi all’interno dell’Europa, e quindi per le procedure che richiedono. È la summenzionata direttiva 1996/123 / CE, il cui art. 6 stabilisce lo sportello unico e l’arte. 8 prevede che debba essere gestito “a distanza ed elettronicamente”, lasciando ulteriori dettagli alla Commissione. E infatti la Commissione, con la sua decisione del 16 ottobre 2009, ha previsto una serie di misure per facilitare l’uso delle procedure elettroniche attraverso lo “sportello unico” ai sensi della direttiva 2006/123 / CE. Queste fonti sono chiare e si applicano ad un settore di ampio respiro: il problema è che qualsiasi settore o procedura che non è correlata alla fornitura di servizi all’interno dell’Unione non è regolamentata e gli Stati membri sono quindi in grado di portare avanti con modellato le procedure basate su carta.

Alla luce di questa limitazione, un gruppo di illustri accademici di diritto europeo, coordinati da Giovanni Duni, ha redatto il testo più efficace per una direttiva che fornisce un sistema universale di procedura amministrativa telematica. [11]

Le fonti italiane si basano sul Codice di Digital Administration, il già citato Decreto Legge N. 7 del 7 marzo 2005 nella sua versione attuale, a seguito di alcune modifiche che (se correttamente interpretate e implementate) dovrebbero rendere obbligatorio per tutte le pubbliche amministrazioni utilizzare la teleamministrazione, rendendo così la procedura amministrativa telematica il metodo procedurale di default. Arte. 14, la disposizione chiave, stabilisce che l’amministrazione procedurale crea un file elettronico, a cui tutte le amministrazioni coinvolte possono e dovrebbero avere accesso e alimentarlo con gli atti di loro competenza. I privati ​​possono anche accedervi ai sensi della legge 241/90. Pertanto il file elettronico è la specifica tecnica e organizzativa della procedura amministrativa telematica,

Arte. All’inizio, il 10 del CAD sembra essere in disaccordo con questa interpretazione, poiché stabilisce che lo sportello unico per le attività produttive fornisce i suoi servizi elettronicamente, ma lascia dubbi sulla possibilità che le attività di back office possano essere ancora basate su carta. Tuttavia, se l’art. 10 e art. 41 sono interpretati insieme, l’unica conclusione possibile è che il primo sia un chiarimento delle attività di front office, ma tutta l’attività amministrativa si basa sulla regola generale dei file elettronici, e quindi sulla teleamministrazione e sullo sportello unico. Rispetto alla legge europea e italiana, la realtà è un po ‘indietro. Otto anni dopo la direttiva 1996/123 / CE, vi sarebbe motivo di avviare una procedura di infrazione contro l’Italia. Ma poiché l’Italia gode della compagnia di molti altri Stati membri non conformi,

Sebbene la lettera del CAD possa non essere rispettata, sembra molto improbabile che ciò possa determinare l’invalidità o la nullità degli atti per violazione dell’Art. 41 (file elettronico) o art. 40 (requisito statutario della firma digitale), perché di fronte a una richiesta di questo tipo, il giudice amministrativo applicherebbe Artt. 21 septies e 21 octies della legge 241/90. Il richiedente dovrebbe dimostrare che l’uso del formato elettronico e del file elettronico avrebbe portato a un risultato diverso.

Fonti legali

Legge degli Stati Uniti

1995 Codice Utah, paragrafi da 46-3-101 a 46-3-504 (approvato dalla legge 1995, capitolo 61). Senato degli Stati Uniti, S. 1594, Firma digitale e Diritto di autenticazione elettronica (SEAL) del 1998. – Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, HR 3472, Firma digitale e Diritto di autenticazione elettronica (SEAL) del 1998

EU Law

  • Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 1999/93 / CE del 13 dicembre 1999, abrogata e recepita dal regolamento 910/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 luglio 2014 (noto come regolamento eIDAS) in GUUE il 28 agosto 2014.
  • Decisione 2004/387 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004, relativa alla fornitura interoperabile di servizi di eGovernment europei
  • Direttiva 2006/123 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, relativa ai servizi del mercato interno, che prevede che gli Stati membri istituiscano lo sportello unico elettronico in questo vasto campo di procedure amministrative.
  • Decisione del 16 ottobre 2009 che istituisce misure per agevolare le procedure elettroniche attraverso il «sportello unico» ai sensi della direttiva 2006/123 / CE

Le procedure telematiche nell’Unione europea. Introducendo una bozza di Direttiva, ricerca coordinata da Duni, G., in CNR ITTIG Informatica e diritto, vol. XXI, 2012, n. 2, pp. 113-129 e in www.teleamministrazione.it.

  • Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 luglio 2014, n. 910/2014 (abbreviato come regolamento eIDAS) in OJE 28 agosto 2014.

Legge italiana

  • l. 15 marzo 1997, n. 59, art. 15, para, 2.
  • D. lg. 23 gennaio 2002, N. 10.
  • DPR 20 ottobre 1998, N. 447
  • D. legils. 7 marzo 2005, N. 82, codice dell’amministrazione digitale (CAD)
  • DPCM 22 luglio 2011
  • D. Legislativo 10 dicembre 2013, N. 335
  • D. Legisl. 10 dicembre 2016, n. 179, (ultima modifica al Codice italiano di amministrazione digitale)

Bibliografia

  • Contaldo, A., La teleamministrazione con reti transnazionali europee come strumento per l’integrazione delle pubbliche amministrazioni europee, in Riv. trim. diritto amministrativo, I, 2004, p. 95 e successive
  • Diffie and Hellman, New directions in Cryptography, in IEEE Transaction on Information Theory, novembre 1976, 644 ss
  • Duni, G., L’utilizzabilità delle tecniche elettroniche nell’emanazione degli atti e nei procedimenti amministrativi. Spunto per una teoria dell’atto amministrativo emanato nella forma elettronica, in “Rivista amm. Della Repubblica italiana”, 1978, pag.407 ss. – Il progetto nazionale di teleamministrazione pubblica, in “L’informatica giuridica e il Ced della Corte di Cassazione”, atti del convegno svoltosi all’Univ. di Roma “La Sapienza”, 27-29 novembre 1991, Milano 1992, p. 87 ss. – La teleamministrazione: una “scommessa” per il futuro del Paese, presentazione al 5 ° Congresso Internazionale presso la Corte di Cassazione su “IT and Legal Activity” Roma, 3-7 maggio 1993, IPZS – Libreria dello Stato, 1994, II, p. 381 ss. – Amministrazione digitale, Voce sotto l’Enciclopedia del diritto, Annali, I, Milano 2007, p. 13-49 – L’amministrazione digitale. Il diritto amministrativo nell’evoluzione telematica, Giuffrè 2008.
  • Flora, F., Evoluzione della scienza nel sistema di governo degli Stati Uniti d’America. Tesi di laurea, Cagliari, Dipartimento di Scienze politiche, novembre 1996.
  • Gagliotti, A., Teleamministrazione e concorsi pubblici, in Giustizia amministrativa n. 3/2003, http://www.giustamm.it/ago1/articoli/gaglioti_teleamministrazione.htm#_ednref5
  • Gardner, Un nuovo tipo di cifrario che prevederebbe di anni per essere decifrato, in Le Scienze, dicembre 1977, 126 ss.
  • Masucci, Informatica pubblica, nel Dizionario di diritto pubblico diretto da S. Cassese, IV, Milano, 2006, 3115 ss .;
  • Notarmuzi, Il codice dell’amministrazione digitale, in Astrid Rassegna, www.astrid-online.it, 2006, n. 12; Id., Il procedimento amministrativo informatico, ivi, n. 16;
  • Osnaghi, Firme elettroniche e documento informatico: il codice richiede integrazioni, ivi, n. 10;
  • Rabbito. c., L’informatica al servizio della pubblica amministrazione. Dai principi della teleamministrazione ai piani di e-government, Gedit, 2007.
  • Rivest, Shamir e Adleman, Un metodo per ottenere firma digitale e crittosistemi a chiave pubblica, in Communications of the ACM, vol. 21, febbraio 1978, 120-126
  • Le procedure telematiche nell’Unione europea. Introducendo un progetto di direttiva, ricerca coordinata da Duni, g., In CNR ITTIG Informatica e diritto, vol. XXI, 2012, N. 2, pp. 113-129 e in www.teleamministrazione.it.
  • Applicazioni della multimedialità nella PA: teleamministrazione e telelavoro “, in Funzione Pubblica, numero speciale” I convegni di FORUM PA ’96 “, volume I, p. 105.

Vedi anche

  • Governance dell’era digitale
  • Documento elettronico
  • Carta elettronica
  • Ufficio senza carta
  • Burocrate
  • Legge sull’e-government del 2002
  • E-government
  • Pubblica amministrazione

Riferimenti

  1. Salta su^ 1. Duni, G., L’utilizzabilità delle tecniche elettroniche nell’emanazione degli atti e nei procedimenti amministrativi. Spunto per una teoria dell’atto amministrativo emanato nella forma elettronica, in “Rivista amm. Della Repubblica italiana”, 1978, pag.407 ss.
  2. Salta su^ 2. Rivest, Shamir eAdleman, Un metodo per ottenere firma digitale e crittosistemi a chiave pubblica, in Communications of the ACM, vol. 21, febbraio 1978, 120-126. Questa ricerca si riferiva alla tecnologia di crittografia asimmetrica (Diffie and Hellman, New directions in Cryptography, IEEE Transaction on Information Theory, novembre 1976, 644 ss. La ricerca di Diffie e Hellman fu diffusa in Italia da Gardner, “Un nuovo tipo di cifrario che prevederebbe milioni di anni per essere decifrato “, in Le Scienze, dicembre 1977, 126 ss.), che aggiunse il regolamento per emettere le chiavi e il processo di certificazione pubblico ad esse associato.
  3. Salta su^ 3. La prima applicazione della ricerca di Rivest, Shamir e Adleman fu il Codice dello Utah del 1995, § dal 46-3-101 al 46-3-504 (Atto dal 1995 al cap. 61). Il codice dello Utah è stato analizzato nella brillante tesi scritta da Francesca Flora, Evoluzione dell’informatica nel governo di Stati Uniti d’America (Cagliari, dipartimento Politiacl Science, novembre 1996). Per l’applicazione a livello federale bisognava aspettare fino al 1998: Senato degli Stati Uniti, S. 1594, Firma digitale e Diritto di autenticazione elettronica (SEAL) del 1998. – Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, HR 3472, Firma digitale e Diritto di autenticazione elettronica (SEAL) del 1998.
  4. Salta su^ 4. Duni, G., Amministrazione digitale, Voce della Enciclopedia del diritto, Annali, I, Milano 2007, p. 13-49.
  5. Salta su^ 5.Teleamministrazione, Lessico del XXI secolo, Treccani
  6. Salta su^ 6. Duni, G., Il progetto nazionale di teleamministrazione pubblica, in “L’informatica giuridica e il Ced della Corte di Cassazione”, atti del convegno tenutosi all’Univ. di Roma “La Sapienza”, 27-29 novembre 1991, Milano 1992, p. 87 ss.
  7. Salta^ 7. Applicazioni della multimedialità nella PA: teleamministrazione e telelavoro “, in Funzione Pubblica, numero speciale” I convegni di FORUM PA ’96 “, volume I, p. 105.
  8. Salta^ 8. Duni, G., presentazione al 5 ° Congresso Internazionale presso la Corte di Cassazione su “IT e attività legale” Roma, 3-7 maggio 1993, IPZS – Libreria dello Stato, 1994, II, p. 381 ss.
  9. Salta su^ 9. Secondo alcuni commentatori la “dematerializzazione” non è il termine appropriato per i documenti che vengono creati in formato elettronico, ma piuttosto per quelli creati in forma cartacea e successivamente convertiti in formato digitale. Sebbene concettualmente corretto, questa osservazione ignora il fatto che l’espressione ora è generalmente intesa nel senso di qualsiasi “forma che faccia a meno della presenza materiale della carta, dalla creazione del documento”
  10. Salta su^ 10. Vedi nota. 1.
  11. Salta in alto^ 11. Il risultato di questo sforzo collettivo di ricerca è il testo di una proposta di direttiva, che può essere trovato sulla rivista ITTIG del CNR, Informatica e diritto, vol. XXI, 2012, N. 2, pp. 113-129: le procedure telematiche nell’Unione europea. Presentando una bozza di direttiva, oltre che on line, con una versione in lingua italiana e inglese della bozza sul sitowww.teleamministrazione.it