Identificatore di oggetto digitale

Nel calcolo, un identificatore di oggetti digitali o DOI è un identificatore persistente o un handle utilizzato per identificare in modo univoco gli oggetti, standardizzati dall’International Organization for Standardization ( ISO ). [1] Un’implementazione del Sistema di gestione , [2] [3] DOI è ampiamente utilizzata principalmente per identificare informazioni accademiche, professionali e governative, come articoli di riviste, rapporti di ricerca e set di dati e pubblicazioni ufficiali anche se hanno anche è stato utilizzato per identificare altri tipi di risorse informative, come i video commerciali.

Un DOI mira a essere “risolvibile”, di solito a una qualche forma di accesso all’oggetto di informazioni a cui fa riferimento il DOI. Ciò si ottiene legando il DOI ai metadati relativi all’oggetto, come un URL , che indica dove è possibile trovare l’oggetto. Pertanto, essendo attuabile e interoperabile, un DOI differisce dagli identificatori come ISBN e ISRC che mirano solo a identificare in modo univoco i loro referenti. Il sistema DOI utilizza il Content Model indecs per rappresentare i metadati.

Il DOI per un documento rimane fisso per tutta la durata del documento, mentre la sua posizione e altri metadati potrebbero cambiare. Fare riferimento a un documento online dal suo DOI fornirà un collegamento più stabile rispetto al semplice utilizzo del suo URL. Ogni volta che un URL cambia, il publisher deve aggiornare i metadati per il DOI per collegarsi al nuovo URL. [4] [5] [6] È responsabilità del publisher aggiornare il database DOI. Non riuscendo a farlo, il DOI si risolve in un collegamento morto lasciando il DOI inutile.

Lo sviluppatore e amministratore del sistema DOI è l’International DOI Foundation (IDF), che lo ha introdotto nel 2000. [7] Le organizzazioni che soddisfano gli obblighi contrattuali del sistema DOI e sono disposte a pagare per diventare membri del sistema possono assegnare DOI. [8] Il sistema DOI è implementato attraverso una federazione di agenzie di registrazione coordinata dall’IDF. [9] Alla fine di aprile 2011, più di 50 milioni di nomi DOI erano stati assegnati da circa 4.000 organizzazioni, [10] e nell’aprile 2013 questo numero era cresciuto fino a 85 milioni di nomi DOI assegnati attraverso 9.500 organizzazioni.

Nomenclatura

Un DOI è un tipo di handle di Handle System, che assume la forma di una stringa di caratteri divisa in due parti, un prefisso e un suffisso, separati da una barra. Il prefisso identifica il dichiarante dell’identificatore e il suffisso viene scelto dal dichiarante e identifica l’oggetto specifico associato a tale DOI. La maggior parte dei caratteri Unicode legali è consentita in queste stringhe, che vengono interpretate in modo non sensibile alla distinzione tra maiuscole e minuscole . Il prefisso di solito assume la forma 10.NNNN, dove NNNNè una serie di almeno 4 numeri maggiori o uguali a 1000, il cui limite dipende solo dal numero totale di registranti. [11] [12] Il prefisso può essere ulteriormente suddiviso con periodi, come 10.NNNN.N[13]

Ad esempio, nel nome DOI 10.1000/182, il prefisso è 10.1000e il suffisso è 182. Il “10”. parte del prefisso distingue l’handle come parte dello spazio dei nomi DOI, diversamente da altri namespace di Handle System, [A] e i caratteri 1000nel prefisso identificano il registrante; in questo caso il dichiarante è la stessa International DOI Foundation. 182è il suffisso, o ID oggetto, che identifica un singolo oggetto (in questo caso, l’ultima versione del Manuale DOI ).

I nomi DOI possono identificare opere creative (come testi, immagini, elementi audio o video e software) in forme sia elettroniche che fisiche, performance e lavori astratti [14] come licenze, parti di una transazione, ecc.

I nomi possono riferirsi a oggetti a diversi livelli di dettaglio: quindi i nomi DOI possono identificare un diario, un singolo numero di un diario, un singolo articolo nel diario o una singola tabella in quell’articolo. La scelta del livello di dettaglio è lasciata all’assegnatore, ma nel sistema DOI deve essere dichiarata come parte dei metadati associati a un nome DOI, utilizzando un dizionario dati basato sul modello di contenuto indecs .

Mostra

Il manuale ufficiale DOI afferma esplicitamente che i DOI dovrebbero essere visualizzati su schermi e in stampa nel formato “doi: 10.1000 / 182”. [15] Contrariamente al Manuale DOI , CrossRef , un’importante agenzia di registrazione DOI, consiglia di visualizzare un URL (ad esempio, https://doi.org/10.1000/182) invece del formato ufficialmente specificato (ad esempio, doi:10.1000/182[16] [17] Questo URL fornisce la posizione di un Server proxy HTTP che reindirizzerà gli accessi web alla posizione online corretta dell’elemento collegato. [8] [18]Questo consiglio si basa principalmente sul presupposto che il DOI venga visualizzato senza essere hyper-linked al proprio URL appropriato: l’argomento è che senza il collegamento ipertestuale non è facile copiare e incollare l’intero URL per far apparire effettivamente il pagina per il DOI, quindi l’intero URL dovrebbe essere visualizzato, consentendo alle persone che visualizzano la pagina contenente il DOI di copiare e incollare l’URL, a mano, in una nuova finestra / scheda nel proprio browser per andare alla pagina appropriata per il documento che rappresenta il DOI.

Applicazioni

Le principali applicazioni del sistema DOI includono attualmente:

  • materiali accademici (articoli di riviste, libri, ebook, ecc.) attraverso CrossRef , un consorzio di circa 3.000 editori; Airiti , un fornitore leader di riviste accademiche elettroniche in cinese e taiwanese; e il Japan Link Center (JaLC), un’organizzazione che fornisce la gestione dei collegamenti e l’assegnazione del DOI per le riviste accademiche elettroniche in giapponese.
  • ricerca di set di dati attraverso DataCite , un consorzio di importanti biblioteche di ricerca, fornitori di informazioni tecniche e centri di dati scientifici;
  • Pubblicazioni ufficiali dell’Unione europea attraverso l’ ufficio pubblicazioni dell’UE ;
  • il progetto di infrastruttura di conoscenza nazionale cinese presso la Tsinghua University e l’Institute of Scientific and Technical Information of China (ISTIC), due iniziative sponsorizzate dal governo cinese.
  • Identificatori globali permanenti per contenuti video commerciali attraverso il Registro ID intrattenimento, comunemente noto come EIDR .

Nel servizio di pubblicazione Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico OCSE iLibrary , ogni tabella o grafico in una pubblicazione OCSE è mostrato con un nome DOI che porta a un file Excel di dati sottostanti tabelle e grafici. È previsto un ulteriore sviluppo di tali servizi. [19]

Un’attività di agenzia di registrazione europea multilingue DOI, m EDRA e un’agenzia di registrazione cinese, Wanfang Data , sono attive nei mercati di lingua non inglese.

Funzionalità e vantaggi

L’IDF ha progettato il sistema DOI per fornire una forma di identificazione persistente , in cui ogni nome DOI identifica in modo permanente e inequivocabile l’oggetto a cui è associato. Inoltre, associa i metadati agli oggetti, consentendogli di fornire agli utenti informazioni rilevanti sugli oggetti e le loro relazioni. Inclusi come parte di questi metadati sono azioni di rete che consentono di risolvere i nomi DOI in posizioni web in cui gli oggetti che descrivono possono essere trovati. Per raggiungere i suoi obiettivi, il sistema DOI combina il Sistema di gestione e il Modello di contenuti indec con un’infrastruttura sociale.

Il sistema Handle garantisce che il nome DOI per un oggetto non sia basato su attributi modificabili dell’oggetto come la sua posizione fisica o proprietà, che gli attributi dell’oggetto siano codificati nei suoi metadati anziché nel suo nome DOI e che no a due oggetti viene assegnato lo stesso nome DOI. Poiché i nomi DOI sono stringhe di caratteri brevi, sono leggibili dall’uomo, possono essere copiati e incollati come testo e adattati alle specifiche URI . Il meccanismo di risoluzione dei nomi DOI agisce dietro le quinte, in modo che gli utenti comunichino con esso allo stesso modo di qualsiasi altro servizio web; è costruito su architetture aperte , incorpora meccanismi di fiduciaed è progettato per funzionare in modo affidabile e flessibile in modo che possa essere adattato alle mutevoli esigenze e alle nuove applicazioni del sistema DOI. [20] La risoluzione dei nomi DOI può essere utilizzata con OpenURL per selezionare il più appropriato tra più posizioni per un determinato oggetto, in base alla posizione dell’utente che effettua la richiesta. [21] Tuttavia, nonostante questa capacità, il sistema DOI ha attirato critiche da parte dei bibliotecari per indirizzare gli utenti a copie non libere di documenti che sarebbero stati disponibili senza costi aggiuntivi da posizioni alternative. [22]

Il Content Model indecs utilizzato nel sistema DOI associa metadati con oggetti. Un piccolo kernel di metadati comuni è condiviso da tutti i nomi DOI e può essere facoltativamente esteso con altri dati rilevanti, che possono essere pubblici o limitati. I dichiaranti possono aggiornare i metadati per i loro nomi DOI in qualsiasi momento, ad esempio quando le informazioni sulla pubblicazione cambiano o quando un oggetto si sposta su un URL diverso.

La International DOI Foundation (IDF) supervisiona l’integrazione di queste tecnologie e il funzionamento del sistema attraverso un’infrastruttura tecnica e sociale. L’infrastruttura sociale di una federazione di agenzie di registrazione indipendenti che offrono servizi DOI è stata modellata sulle distribuzioni federate di identificatori di successo come GS1 e ISBN .

Confronto con altri schemi di identificazione

Un nome DOI si differenzia dai puntatori Internet comunemente usati per il materiale, come l’ Uniform Resource Locator (URL), in quanto identifica un oggetto stesso come entità di prima classe , piuttosto che il luogo specifico in cui l’oggetto si trova in un determinato momento . Implementa il concetto di Uniform Resource Identifier ( Uniform Resource Name ) e aggiunge ad esso un modello di dati e un’infrastruttura sociale. [23]

Un nome DOI differisce anche dai registri identificativi standard come ISBN , ISRC , ecc. Lo scopo di un registro identificativo è di gestire una determinata raccolta di identificatori, mentre lo scopo principale del sistema DOI è di rendere una collezione di identificatori attuabili e interoperabile, in cui tale raccolta può includere identificativi di molte altre raccolte controllate. [24]

Il sistema DOI offre persistente, semanticamente interoperabilerisoluzione dei dati attuali correlati ed è più adatto al materiale che verrà utilizzato in servizi al di fuori del controllo diretto dell’assegnatore emittente (ad esempio, citazione pubblica o gestione del contenuto di valore). Utilizza un registro gestito (che fornisce infrastrutture sociali e tecniche). Non assume alcun modello di business specifico per la fornitura di identificatori o servizi e consente ad altri servizi esistenti di collegarsi ad esso in modi definiti. Sono stati proposti diversi approcci per rendere persistenti gli identificatori. Il confronto tra approcci di identificatore persistente è difficile perché non tutti stanno facendo la stessa cosa. Il riferimento impreciso a un insieme di schemi come “identificatori” non significa che possano essere confrontati facilmente. Altri “sistemi di identificazione” possono essere tecnologie abilitanti con basse barriere all’ingresso,Persistent Uniform Resource Locator (PURL), URL, identificatori univoci globali (GUID), ecc.), Ma possono mancare alcune delle funzionalità di uno schema controllato dal registro e in genere manchino i metadati di accompagnamento in uno schema controllato. Il sistema DOI non ha questo approccio e non dovrebbe essere confrontato direttamente con tali schemi di identificazione. Sono state ideate varie applicazioni che utilizzano tali tecnologie di abilitazione con funzionalità aggiuntive che soddisfano alcune delle funzionalità offerte dal sistema DOI per settori specifici (ad esempio, ARK ).

Un nome DOI non dipende dalla posizione dell’oggetto e, in questo modo, è simile a un URN (Uniform Resource Name) o PURL ma differisce da un normale URL. Gli URL vengono spesso utilizzati come identificativi sostitutivi per i documenti su Internet (meglio caratterizzati come identificatori di risorse uniformi), sebbene lo stesso documento in due diverse ubicazioni abbia due URL. Al contrario, gli identificatori persistenti come i nomi DOI identificano gli oggetti come entità di prima classe: due istanze dello stesso oggetto avrebbero lo stesso nome DOI.

Risoluzione

La risoluzione dei nomi DOI viene fornita attraverso il Sistema di gestione , sviluppato dalla Corporation per le Iniziative di ricerca nazionali , ed è liberamente disponibile per qualsiasi utente che incontri un nome DOI. La risoluzione reindirizza l’utente da un nome DOI a uno o più pezzi di dati digitati: URL che rappresentano istanze dell’oggetto, servizi come e-mail o uno o più elementi di metadati. Per il sistema di handle, un nome DOI è un handle, e quindi ha un set di valori assegnato ad esso e può essere pensato come un record che consiste in un gruppo di campi. Ogni valore di handle deve avere un tipo di dati specificato nella sua<type>campo, che definisce la sintassi e la semantica dei suoi dati. Mentre un DOI identifica in modo persistente e univoco l’oggetto a cui è assegnato, la risoluzione DOI potrebbe non essere persistente, a causa di problemi tecnici e amministrativi.

Per risolvere un nome DOI, può essere inserito in un resolver DOI, come doi.org .

Un altro approccio, che evita di digitare o tagliare e incollare in un resolver consiste nell’includere il DOI in un documento come URL che utilizza il resolver come un proxy HTTP, come http://doi.org/(preferito) [25] o http://dx.doi.org/, entrambi supportano HTTPS . Ad esempio, il DOI 10.1000/182può essere incluso in un riferimento o un collegamento ipertestuale come https://doi.org/10.1000/182. Questo approccio consente agli utenti di fare clic sul DOI come un normale collegamento ipertestuale . Infatti, come accennato in precedenza, questo è il modo in cui CrossRef raccomanda che i DOI siano sempre rappresentati (preferendo HTTPS su HTTP), in modo che se siano tagliati e incollati in altri documenti, e-mail, ecc., Saranno perseguibili.

Altri resolver DOI e proxy HTTP includono http://hdl.handle.net , http://doi.medra.org , https://doi.pangaea.de/ . All’inizio dell’anno 2016, una nuova classe di resolver alternativi DOI è stata avviata da http://doai.io . Questo servizio è inusuale in quanto cerca di trovare una versione non paywalled di un titolo e ti reindirizza a quello invece della versione del publisher. [26] [27] Da allora, sono stati creati altri risolutori DOI favorevoli all’accesso aperto, in particolare https://oadoi.org/ nell’ottobre 2016. [28]Mentre i resolver DOI tradizionali si affidano esclusivamente al sistema Handle, i resolver DOI alternativi consultano prima le risorse di accesso aperto come BASE (Bielefeld Academic Search Engine). [26] [28]

Un’alternativa ai proxy HTTP consiste nell’utilizzare uno dei numerosi componenti aggiuntivi e plug-in per i browser , evitando così la conversione dei DOI in URL, [29] che dipendono dai nomi di dominio e potrebbero essere soggetti a modifiche, mentre è ancora possibile consentendo alla DOI di essere trattata come un normale collegamento ipertestuale. Per esempio. l’ estensione maniglia CNRI per Firefox , consente al browser di accedere agli handle di Handle System o ai DOI come hdl:4263537/4000doi:10.1000/1direttamente nel browser Firefox , utilizzando il protocollo nativo Handle System. Questo plug-in può anche sostituire i riferimenti ai server proxy web-to-handle con risoluzione nativa. Uno svantaggio di questo approccio per gli editori è che, almeno attualmente, la maggior parte degli utenti incontrerà i DOI in un browser,mail reader o altro software che non ha uno di questi plug-in installato.

Struttura organizzativa IDF

L’International DOI Foundation (IDF), un’organizzazione senza scopo di lucro creata nel 1998, è l’organo di governo del sistema DOI. [30] Tutela tutti i diritti di proprietà intellettuale relativi al sistema DOI, gestisce le funzionalità operative comuni e supporta lo sviluppo e la promozione del sistema DOI. L’IDF garantisce che qualsiasi miglioramento apportato al sistema DOI (compresi creazione, manutenzione, registrazione, risoluzione e definizione delle politiche dei nomi DOI) sia disponibile per qualsiasi dichiarante DOI. Inoltre, impedisce a terzi di imporre requisiti di licenza aggiuntivi oltre a quelli dell’IDF sugli utenti del sistema DOI.

L’IDF è controllata da un consiglio eletto dai membri della Fondazione, con un agente di gestione nominato che è responsabile del coordinamento e della pianificazione delle sue attività. L’iscrizione è aperta a tutte le organizzazioni interessate all’editoria elettronica e alle relative tecnologie abilitanti. L’IDF tiene riunioni annuali aperte sugli argomenti del DOI e questioni correlate.

Le agenzie di registrazione, nominate dall’IDF, forniscono servizi ai dichiaranti DOI: assegnano prefissi DOI, registrano i nomi DOI e forniscono l’infrastruttura necessaria per consentire ai dichiaranti di dichiarare e mantenere i dati dei metadati e dello stato. Si prevede inoltre che le agenzie di registrazione promuovano attivamente l’adozione diffusa del sistema DOI, collaborino con l’IDF nello sviluppo del sistema DOI nel suo insieme e forniscano servizi per conto della loro specifica comunità di utenti. Una lista di RA correnti è gestita dalla Fondazione Internazionale DOI. L’IDF è riconosciuto come uno dei registrar federati per il Sistema di gestione da parte della Fondazione DONA (di cui l’IDF è un membro del consiglio di amministrazione) ed è responsabile dell’assegnazione dei prefissi di Handle System sotto il 10prefisso di livello superiore . [31]

Le agenzie di registrazione in genere richiedono una tariffa per assegnare un nuovo nome DOI; parti di queste tasse sono utilizzate per supportare l’IDF. Il sistema DOI nel suo complesso, attraverso l’IDF, opera su una base di recupero dei costi senza scopo di lucro .

Standardizzazione

Il sistema DOI è uno standard internazionale sviluppato dall’Organizzazione internazionale per la standardizzazione nel suo comitato tecnico sull’identificazione e la descrizione, TC46 / SC9. [32] Il Draft International Standard ISO / DIS 26324, Informazioni e documentazione – Il sistema di identificazione degli oggetti digitali ha soddisfatto i requisiti ISO per l’approvazione. Il gruppo di lavoro competente ISO successivamente ha presentato una versione modificata la norma ISO per la distribuzione come (Final Draft Standard Internazionale) ballottaggio FDIS, [33] , che è stato approvato dal 100% dei votanti in una chiusura votazione il 15 novembre 2010. [34] Il lo standard definitivo è stato pubblicato il 23 aprile 2012. [1]

DOI è un URI registrato sotto lo schema di informazioni URI specificato da IETF RFC 4452 . info: doi / è lo spazio dei nomi infoURI degli identificatori di oggetti digitali. [35]

La sintassi DOI è uno standard NISO , prima standardizzato nel 2000, ANSI / NISO Z39.84-2005 Sintassi per l’identificatore di oggetti digitali. [36]

I manutentori del sistema DOI hanno deliberatamente non registrato uno spazio dei nomi DOI per URN, affermando che:

L’architettura URN presuppone un servizio di rilevamento delle risoluzioni basato su DNS (RDS) per trovare il servizio appropriato per lo schema URN specificato. Tuttavia attualmente non esistono schemi RDS così diffusi … DOI non è registrato come uno spazio dei nomi URN, nonostante soddisfi tutti i requisiti funzionali, dal momento che la registrazione URN sembra non offrire alcun vantaggio al sistema DOI. Richiede un ulteriore livello di amministrazione per la definizione di DOI come spazio dei nomi URN (la stringa urn:doi:10.1000/1anziché la più semplice doi:10.1000/1) e un ulteriore passaggio di reindirizzamento non necessario per accedere al servizio di risoluzione, già ottenuto tramite proxy HTTP o risoluzione nativa. Se i meccanismi RDS che supportano le specifiche URN diventano ampiamente disponibili, il DOI sarà registrato come URN.

-  International DOI Foundation, Factsheet: DOI System e Internet Identifier Specifications [37]

Vedi anche

  • bibcode
  • CrossRef
  • DataCite
  • Identità digitale
  • Gestire il sistema
  • Metadata standards
  • Identificatore dell’oggetto
  • orcid
  • PMID
  • Publisher Item Identifier (PII)
  • Permalink
  • Letteratura scientifica
  • Universally Unique Identifier (UUID)
  • Nome risorsa uniforme

Note

  1. Salta su^ Gli altri registri sono identificati da altre stringhe all’inizio del prefisso. Gestisci nomi che iniziano con “100”. sono anche in uso, come per esempio nella seguente citazione:Hammond, Joseph L., Jr .; Brown, James E .; Liu, Shyan-Shiang S. (maggio 1975). “Sviluppo di un modello di errore di trasmissione e un modello di controllo degli errori l” . Rapporto tecnico RADC-TR-75-138. Centro di sviluppo aereo di Roma. Bibcode : 1975STIN … 7615344H . hdl : 100.2 / ADA013939.

Riferimenti

  1. ^ Vai a:b “ISO 26324: 2012 (en), Informazioni e documentazione – Sistema di identificazione oggetto digitale” . ISO . Estratto il 20-04-2016 .
  2. Salta su^ “The Handle System” .
  3. Salta su^ “Factsheets” .
  4. Salta^ Witten, Ian H .; David Bainbridge e David M. Nichols (2010). Come costruire una biblioteca digitale (2a ed.). Amsterdam; Boston: Morgan Kaufmann. pp. 352-253. ISBN  978-0-12-374857-7 .
  5. Salta su^ Langston, Marc; Tyler, James (2004). “Collegamento a articoli di riviste in un ambiente di insegnamento online: il collegamento persistente, DOI e OpenURL”. Internet e istruzione superiore . 7 (1): 51-58. doi : 10.1016 / j.iheduc.2003.11.004 .
  6. Salta su^ “Come funziona l”identificatore di oggetti digitali'” . BusinessWeek . BusinessWeek . 23 luglio 2001 . Estratto il 20 aprile 2010 . Supponendo che gli editori svolgano il loro compito di mantenere i database, questi riferimenti centralizzati, a differenza degli attuali collegamenti Web, non dovrebbero mai diventare obsoleti o guasti.
  7. Salta su^ Paskin, Norman (2010), “Sistema di identificazione digitale (DOI®)”,Enciclopedia di scienze della biblioteca e dell’informazione (3a ed.), Taylor e Francis, pp. 1586-1592
  8. ^ Salta fino a:b Davidson, Lloyd A .; Douglas, Kimberly (dicembre 1998). “Identificatori di oggetti digitali: promesse e problemi per la pubblicazione accademica”. Journal of Electronic Publishing . 4 (2). doi : 10.3998 / 3336451.0004.203 .
  9. Salta in alto^ “Benvenuto nel sistema DOI” . Doi.org. 28 giugno 2010 . Estratto il 7 agosto 2010 .
  10. Salta su^ “DOI® News, aprile 2011: 1. Il sistema DOI supera i 50 milioni di identificatori assegnati” . Doi.org. 20 aprile 2011 . Estratto il 3 luglio2011 .
  11. Salta su^ “informazioni e linee guida doi” . CrossRef.org . Publishers International Linking Association, Inc. 2013 . Estratto il 10 giugno 2016 . Tutti i prefissi DOI iniziano con “10” per distinguere il DOI da altre implementazioni del sistema handle seguito da un numero o una stringa di quattro cifre (il prefisso può essere più lungo se necessario).
  12. Salta su^ “Factsheet-Fatti chiave sul sistema di identificazione dell’oggetto digitale” . doi.org . Fondazione internazionale DOI. 6 giugno 2016 . Estratto il 10 giugno 2016 . Oltre 18.000 prefissi di nomi DOI all’interno del sistema DOI
  13. Salta su^ “Manuale di DOI-2 Numerazione” . doi.org . Fondazione internazionale DOI. 1 ° febbraio 2016 . Estratto il 10 giugno 2016 . Il codice del dichiarante può essere ulteriormente suddiviso in sottoelementi per convenienza amministrativa, se lo si desidera. Ogni sottoelemento del codice del dichiarante deve essere preceduto da un punto.
  14. Salta su^ “Domande frequenti sul sistema DOI: 2. Cosa può essere identificato da un nome DOI?” . Fondazione internazionale DOI. 17 febbraio 2010 [aggiornamento della versione precedente] . Estratto il 23 aprile 2010 .
  15. Salta in alto^ “Manuale DOI – Numerazione” . doi.org . 13 febbraio 2014. Sezione 2.6.1 Schermata e stampa della presentazione. Archiviato dall’originale il 30 giugno 2014 . Estratto il 30 giugno 2014 .
  16. Salta su^ “Linee guida di visualizzazione DOI” .
  17. Salta in alto^ “Le nuove linee guida del display Crossref DOI sono in arrivo” .
  18. Salta su^ Powell, Andy (giugno 1998). “Risolvere gli URN basati su DOI usando Squid: un sistema sperimentale presso UKOLN” . Rivista D-Lib . ISSN  1082-9873 .
  19. Salta su^ Green, T. (2009). “Abbiamo bisogno di standard di pubblicazione per dataset e tabelle dati”. Informazioni sulla ricerca . doi : 10.1787 / 603233448430 .
  20. Salta^ Timmer, John (6 marzo 2010). “DOI e il loro malcontento” . Ars Technica . Estratto il 5 marzo 2013 .
  21. Salta su^ DeRisi, Susanne; Kennison, Rebecca; Twyman, Nick (2003). “Editoriale: cosa e perché dei DOI” . PLoS Biology . 1 (2): e57. doi : 10.1371 / journal.pbio.0000057 . PMC  261894  . PMID  14624257 .
  22. Salta su^ Franklin, Jack (2003). “Accesso aperto a informazioni scientifiche e tecniche: lo stato dell’arte”. In Grüttemeier, Herbert; Mahon, Barry. Accesso aperto a informazioni scientifiche e tecniche: stato dell’arte e tendenze future . IOS Press. p. 74. ISBN  978-1-58603-377-4 .
  23. Salta su^ “Specifiche del sistema DOI e Internet Identifier” . Doi.org. 18 maggio 2010 . Estratto il 7 agosto 2010 .
  24. Salta su^ “Registri di identificatore di sistema e standard DOI” . Doi.org . Estratto il 7 agosto 2010 .
  25. Salta su^ International DOI Foundation (2014-08-07). “Risoluzione” . Manuale DOI . Estratto 19 marzo 2015 .
  26. ^ Salta a:b “DOAI” . CAPSH (Comitato per l’accessibilità delle pubblicazioni in scienze e studi umanistici) . Estratto il 6 agosto 2016 .
  27. Salta^ Schonfeld, Roger C. (2016-03-03). “Co-optare” canali ufficiali “attraverso le infrastrutture per l’apertura” . La cucina accademica . Retrieved 2016-10-17 .
  28. ^ Salta fino a:b Piwowar, Heather (25-25-2016). “Introduzione a oaDOI: risolvere un DOI direttamente in OA” . Retrieved 2017-03-17 .
  29. Salta su^ “Strumenti di sistema DOI” .
  30. Salta su^ “Capitolo 7: La Fondazione Internazionale DOI”. Manuale DOI . Doi.org . Estratto l’ 8 luglio 2015 .
  31. Salta su^ “DONA Foundation Multi-Primary Administrators” .
  32. Salta su^ “Digital object identifier (DOI) diventa uno standard ISO” . iso.org. 10 maggio 2012 . Estratto il 10 maggio 2012 .
  33. Salta su^ “about_the_doi.html Standard e specifiche DOI” . Doi.org. 28 giugno 2010 . Estratto il 7 agosto 2010 .
  34. Salta su^ “Panoramiche e standard – Standard e specifiche: 1. Standard ISO TC46 / SC9”. Doi.org. 18 November 2010. Retrieved 3 July 2011.
  35. Salta su^ “Informazioni” sugli “URI – Domande frequenti” . Info-uri.info . Estratto il 7 agosto 2010 .
  36. Salta su^ “ANSI / NISO Z39.84-2000 Sintassi per l’identificatore di oggetti digitali” . Techstreet.com . Estratto il 7 agosto 2010 .
  37. Salta su^ International DOI Foundation (2012).